Se vuoi perdere un amico.... - Riflessioni sul cattolicesimo di oggi

Cattolici oggi
Vai ai contenuti

Se vuoi perdere un amico....

Se vuoi perdere un amico prestagli del…………denaro



di Francesco Franco Coladarci

Non poche amicizie sono finite a causa del denaro, prestiti che poi non sono stati restituiti, oppure prestiti negati, purtroppo la questione dei soldi è sempre stata una…mina vagante, e quasi tutti chi più chi meno sono incappati in queste situazioni a dir poco, incresciose, la domanda sorge spontanea, come comportarsi con un amico che ci chiede del denaro?
Tutto dipende dalla situazione in cui tale amico si trova.

A volte una persona a noi cara ci chiede di fargli un prestito, non mi riferisco ad una grande somma, poniamo che siano cento euro, promettendoci che dopo cinque giorni li restituirà, ora, sappiamo della sua convinzione a restituirli, ma sappiamo anche della sua indigenza, della mancanza di lavoro, delle difficoltà in cui si trova.

Sapendo tutto questo, possiamo veramente credere che possa restituirli anche se promesso con convinzione di farlo? sarà difficile, molto difficile, ecco allora, passati i cinque giorni, i dieci, un mese, dal prestito, non vedere più “l’amico”, il quale sentendosi in debito e non potendo onorare l’impegno evita in tutti i modi d’incontrarci, per non essere in una situazione incresciosa da cui non sa come uscirne.
Sicché, passa il tempo e non rivediamo i nostri soldi, ma soprattutto non rivediamo più l’amico a cui tenevamo, giacché il denaro ha fatto da divisore, allontanando due persone amiche.
Come comportarsi prima di arrivare ad un punto in cui poi sarà difficile tornare indietro?
Se un tale amico ci chiede un prestito, e noi sappiamo che non potrà mai restituircelo, abbiamo due vie, affinché non venga intaccata l’amicizia.

La prima.
In questo momento anch'io mi trovo in difficoltà economica, diversamente non ci sarebbe stato problema.

La seconda
Non concedergli il prestito, ma fargli un dono, il denaro che ci chiede lo deve accettare come un dono e non come un prestito.
Sicché, l’amico non deve preoccuparsi di restituirlo, essendo un dono, così anche noi non dovremmo aspettare di riaverlo, giacché è un dono.

Non perdiamo l’amico, lo abbiamo aiutato senza metterlo in difficoltà.
L'amico ci penserà bene prima di richiedere del denaro, giacché comprenderà che il dono non sempre è ripetibile, noi staremo nella situazione di poterlo aiutare secondo le nostre possibilità, ma soprattutto si salvaguarderà il bene dell’amicizia.


Nessun commento